La missione in Cina di Gnao Tse-tung

La missione in Cina di Gnao Tse-tung

Il sindaco di Rimini si è unito alla trasferta della Regione, per fare cosa?

E' un viaggio da leccarsi i baffi per agroalimentare, sistema fieristico, brand del calibro di Maserati, Ferrari e Tecnogym. Ma il turismo della Riviera non è ancora riuscito ad intercettare i flussi dal paese di Xi Jinping. Ce la farà Andrea Gnassi?

Il sindaco di Rimini si è aggregato alla missione istituzionale della Regione Emilia-Romagna in Cina, in veste di presidente della Destinazione Turistica Romagna, dove dal 20 al 26 novembre si tiene la seconda edizione della Settimana della cucina italiana nel mondo, promossa dal Governo italiano.
I comunicati ufficiali della Regione però non ne parlano della presenza di Gnassi. Né quelli che annunciavano la trasferta e né quelli che stanno raccontando l’attività svolta (ma siamo solo agli inizi).
Lo scorso luglio, anticipando i temi della missione, la Regione diceva che l’obiettivo è “consolidare l’agroalimentare dell’Emilia-Romagna nel mercato cinese”.
Le finalità della trasferta guidata dal governatore Bonaccini sono la “promozione delle eccellenze agroalimentari, internazionalizzazione e sistema fieristico, ricerca e innovazione, accordi su sicurezza e tracciabilità agroalimentare“. In particolare l’Emilia Romagna rafforza la partnership con la regione del Guangdong. Fanno parte della delegazione, oltre a Bonaccini, gli assessori all’Agricoltura e alle Attività produttive, rispettivamente  Simona Caselli e Palma Costi. E poi la presidente dell’Azienda regionale di promozione turistica, Liviana Zanetti, realtà come l’Enoteca Emilia-Romagna, Aster, Ervet, Università di Bologna e Università di Parma, Teatro Regio di Parma, Ravenna Festival, Festival Verdi, Casa Artusi, Future food institute, l’Aeroporto di Bologna, le fiere regionali leader nell’agroalimentare e nel biologico, Cibus, Macfrut e Sana, e Fico, varie aziende dell’agrifood e importanti brand emiliano-romagnoli che già operano nel mercato cinese come Maserati, Ferrari, Smeg, Tecnogym.

Dal punto di vista turistico, spiega la Regione, il mercato cinese presenta ampi margini di crescita. “Secondo le stime Euromonitor la Cina potrebbe diventare, entro il 2020, la principale fonte di domanda turistica al mondo, forte anche della prospettiva di crescita del 35% della middle class. Buoni i trend di crescita, da questo mercato, anche a livello regionale: nei primi nove mesi del 2017, gli arrivi cinesi in Emilia-Romagna sono aumentati del +7,3% e le presenze del +9,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso”. Ma va detto che (dati Rapporto annuale sul movimento turistico e la composizione della struttura ricettiva (alberghiera e complementare) dell’Emilia Romagna, anno 2016) nel 2016 si era verificato un crollo: -20,1% degli arrivi rispetto al 2015 e -24,4% di presenze. La Cina incideva per il 4,7% sul mercato estero, dopo Germania (9,2%), Regno Unito (8,4%), Francia (7,9%), Usa (7,5%), Spagna (7,1%). “Ancora per quest’anno”, si legge in quel Rapporto, “la Cina è il Paese da cui proviene la parte più cospicua del flusso verso le località termali, nonostante il crollo rilevato sia negli arrivi (-60,2%), sia nelle presenze (-57,8%), dopo l’estemporaneo exploit registrato nel 2015, quando il flusso fu più che doppio rispetto al 2014. L’incidenza delle presenze cinesi sul totale del mercato straniero è così precipitato dal 22,4% del 2015 al 9,6% del totale, scendendo quindi al di sotto del livello raggiunto nel 2014 (12,7%)”. Su scala regionale il mercato cinese muoveva nel 2016 230.048 arrivi e 291.488 presenze.
Gnassi sarà impegnato a “piazzare” – per dirla col suo slang – hardware e software del nuovo rinascimento riminese, cioè quello che sta facendo in tema di riqualificazione e rigenerazione infrastrutturale (rotatorie, ponte di Mordor, piano di salvaguardia della balneazione) e poi cercherà forse anche di vendere l’ombra ai cinesi, cioè quel parco del mare che ultimamente gli sta dando qualche grattacapo. E forse pure Fellini (ben noto nel paese che fu di Mao e che oggi con Xi Jinping sfida gli StatiUniti d’America sul terreno della globalizzazione), certamente Galli, Fulgor e Castelsismondo con la nuova piazza Malatesta.

“La via Emilia nasce a Rimini, è il punto di partenza della food valley più famosa d’Italia che attraversa il cuore del Paese e incontra patrimoni enogastronomici di valore assoluto. In Cina c’è una crescente attenzione per la qualità dello stile di vita, anche attraverso la centralità del mangiare sano e di qualità”, commenta Andrea Gnassi, “e da questo punto di vista Rimini e la Romagna sono un modello di riferimento, un patrimonio straordinario che vogliamo far conoscere sempre di più al pubblico cinese”.
A partire dal 2013 Rimini ha sviluppato un progetto di accoglienza rivolto al mercato cinese, oggi il primo mercato turistico outgoing al mondo. C’è un sito web di presentazione di Rimini e del territorio in lingua cinese (www.rimini.cn), esiste una guida della città in lingua cinese, scaricabile anche online, dal 2016 Rimini è presente con un proprio account (ItalyRimini) su We Chat, la piattaforma di messaggistica istantanea più conosciuta in Cina e dal 2014 anche su Sina Weibo (il corrispondente cinese di Facebook). Rimini ha poi promosso il progetto di wedding destination, pronta ad accogliere sposi da tutto il mondo, a partire da Germania e Cina. Italian Exhibition Group ha lanciato lo scorso settembre il Travel Trade Market, nella città di Chengdu, il salone internazionale dedicato all’industria turistica mondiale. A maggio la manifestazione 2018 verrà replicata, insieme alla principale fiera di viaggi in Cina, Shangai Wolrd Travel Fair. Tutto questo mette in fila palazzo Garampi.

Ma qual è la consistenza del turismo cinese in provincia di Rimini? Prendiamo i dati certi dei primi nove mesi del 2017: arrivi -13,8%, per un totale di 5.343 turisti, pernottamenti -10,7%.
Rimini città ha fatto registrare, nello stesso periodo, -15,7% di arrivi (per un totale di 4.567 turisti) cinesi (solo 3 mesi su 9 hanno il segno più) e -13,8 di pernottamenti. E la Destinazione Turistica Romagna come se la passa con la Cina? Arrivi: 29.968, 1,1%; pernottamenti 41.811, 2,8%. Gnao Tse-tung pensaci tu.

COMMENTI

DISQUS: 0
close-link