Spettacoli: a Rimini spesa pro capite media di 153 euro. Nel 2007 era di 190

Spettacoli: a Rimini spesa pro capite media di 153 euro. Nel 2007 era di 190

Buoni i dati al botteghino nella nostra provincia, ma i valori pre crisi sono ancora lontani. Sei milioni in meno rispetto a nove anni fa.

Ogni riminese spende al botteghino degli spettacoli 153 euro. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto dell’annuario Siae riferito al 2016. Come ha recentemente sottolineato il Comune di Rimini è il secondo dato più alto d’Italia, secondo solo a Verona. Probabilmente il dato – che è rapportato alla popolazione residente – è aiutato dal flusso turistico. Rispetto all’anno precedente c’è un leggero calo, un paio d’euro in meno.

Il grafico ci racconta che negli ultimi dieci anni la spesa, seppure in leggera ripresa nel biennio 2015-16 ha registrato una forte diminuzione. Nel 2007 la spesa pro capite a Rimini era di 190 euro a testa, poi calata ogni anno (ripresina del 2010-11 a parte) fino a toccare quota 134 euro e spicci nel 2013.

In totale gli ingressi (spettacoli per i quali è previsto un biglietto) sono stati oltre quattro milioni, le presenze (spettacoli senza rilascio di titolo di ingresso) oltre 1,3 milioni. Anche in questo caso i livelli del 2007 sono ben lontani da quelli odierni. La spesa al botteghino nel 2016 è stata di 51.365.552 euro. Sei milioni in meno rispetto ai valori pre crisi.

I dati si riferiscono agli anni: 2007-2016
Fonte: Siae
Link