Le parole di Gianni Pecci sono un tonico per il centrodestra

Le parole di Gianni Pecci sono un tonico per il centrodestra

Non tutto il male viene per nuocere. Il centrodestra (Lega esclusa), all’indomani del no di Gianni Pecci ad un impegno in prima persona come candidato

Non tutto il male viene per nuocere. Il centrodestra (Lega esclusa), all’indomani del no di Gianni Pecci ad un impegno in prima persona come candidato sindaco, scopre, grazie alle parole dello stesso Pecci, di non essere poi così male in arnese.
L’inventore del trionfante pullman di Romano Prodi, il tessitore della storica vittoria di Giorgio Guazzaloca a Bologna, ha lasciato la compagnia a tarda notte facendo sapere di essere stato positivamente colpito dal clima di unità e dalla voglia di fare squadra e di trovare un candidato vincente del centrodestra riminese. Agli astanti sono sembrate parole sincere e non di cortesia, ribadite nella mattinata di oggi da Pecci che ha confermato la sua volontà di darsi da fare in prima persona per la realtà riminese che gli sta particolarmente a cuore. Un nuovo appuntamento è fissato per l’inizio della prossima settimana, al ritorno del professore da un viaggio d’affari all’estero. L’impressione positiva che Pecci ha ricevuto dall’incontro è tale che non possono essere esclusi del tutto colpi di scena. Sul nome del candidato la situazione resta fluida anche se i nomi di Linda Gemmani e di Luigi Camporesi sono al momento i più citati. Per entrambi sono state fatte risaltare le tante caratteristiche positive, anche se non tutte le tessere rientrano nel mosaico del candidato “perfetto”. Del resto la perfezione non è di questo mondo.
Il nome di Gemmani appare oggettivamente in vantaggio, visto anche che il convergere sull’imprenditrice farebbe entrare anche Progetto Rimini nella coalizione per ora composta da Forza Italia, Fratelli d’Italia e Dreamini.
Due curiosità finali: grande irritazione in alcuni dirigenti del centrodestra per la fuga di notizie riguardanti Pecci e il commento fatto giungere al cronista dal Grand Master della politica riminese (il cui nome non sarà fatto neppure sotto tortura): “Gemmani è meglio di Pecci”. E se lo dice lui che è uno dei pochissimi che ci capisce davvero… A proposito, lo stesso Grand Master dice che la candidatura Davide Grassi è di quelle forti davvero. Ha sempre azzeccato il pronistico con matematica precisione, sarà così anche questa volta? (f.f.)