Airiminum, il coordinatore di Fi prende le distanze da Lombardi

Airiminum, il coordinatore di Fi prende le distanze da Lombardi

L'ottimismo di Marco Lombardi su Airiminum non è condivisibile. Lo spiega in questo intervento il nuovo coordinatore provinciale di Fi, Giulio Mignan

L’ottimismo di Marco Lombardi su Airiminum non è condivisibile. Lo spiega in questo intervento il nuovo coordinatore provinciale di Fi, Giulio Mignani. Ieri all’incontro pubblico promosso dal Club Forza Silvio Lombardi aveva tifato Airiminum. Come ha raccontato Rimini 2.0.

Ieri sera si è tenuto a Rimini un incontro organizzato dal Club Forza Silvio “L’Italia che vuoi”, sul tema, piuttosto di attualità in questi giorni, dell’Aeroporto Fellini di Rimini.
Ho assistito molto volentieri alla serata alla quale erano presenti diversi esponenti del mondo politico facente capo al centro-destra riminese e posso evidenziare tre punti sui quali è utile effettuare qualche “nota a margine”.

Il primo punto emerge dalla ricostruzione di Marco Lombardi della storia dell’Aeroporto, dalla quale si evincono le responsabilità politiche delle Amministrazioni riminesi che non hanno saputo evitare al Fellini una fine diversa.
Su questo punto non possiamo che condividere una posizione politica: gli errori ci sono stati e le responsabilità (politiche) sono chiare e indiscutibili.

Altro argomento discusso è la rilevanza penale di tali condotte. Su questo teniamo fede alla linea che Forza Italia da sempre sostiene: siamo garantisti, ma senza coprirci gli occhi. Gli imputati dell’inchiesta scaturita dal crac Aeradria avranno modo di spiegare le loro ragioni nelle opportune sedi. Non saremo mai giustizialisti perchè siamo convinti che la condanna di un amministratore non rappresenti una vittoria per nessuno, ma confidiamo che la Giustizia ​faccia il suo corso.

Airiminum è stata da subito guardata con sospetto, per la sua composizione (si annoverano imprenditori seminascosti da società terze, politici e affaristi), per avere stravinto un bando con un punteggio record di punteggio e per non avere nonostante tutto ancora offerto concrete certezze dal punto di vista industriale e dei lavoratori.
Vorremmo potere condividere l’ottimismo di Lombardi, il quale ha inteso rassicurare la platea circa l’adeguatezza di Airiminum come gestore del Fellini, ma al momento non ci è possibile: poche rassicurazioni, pochi fatti e un aeroporto ancora chiuso.

Airiminum verrà valutata per i fatti concreti: quando vedremo un aeroporto efficiente, il traffico tornato a livelli consoni e si potranno tornare a toccare con mano gli importanti ritorni in termini di indotto, daremo il nostro giudizio.

Giulio Mignani
Responsabile Provinciale Forza Italia Rimini