Psbo: sarà un’estate col cantiere in mare

Psbo: sarà un’estate col cantiere in mare

Secondo l'assessore Montini piazzale Kennedy sarà ultimata entro fine giugno primi di luglio, ma in mare, dove si stanno posando le condotte, rimarrà il cantiere a partire da 300-400 metri dalla riva.

Si è saputo ieri, come ha anticipato Rimini 2.0 in diretta dal consiglio comunale, che il Metromare non entrerà in funzione per l’estate 2019. Sulle motivazioni (sostanzialmente colpa del ministero secondo il presidente di Pmr, che non avrebbe ancora rilasciato le autorizzazioni necessarie) torneremo. Ma dopo quella del Trc arriva un’altra doccia gelata: per la stagione in arrivo davanti a piazzale Kennedy resteranno le palancole in mare a partire da 300 metri dalla battigia, “speriamo anche 400”, ha rivelato ieri in consiglio comunale l’assessore Montini rispondendo alle domande delle opposizioni sulla tempistica del progetto.

Ieri infatti è approdato in consiglio l’aggiornamento e integrazione funzionale del Piano di salvaguardia della balneazione ottimizzato per la mitigazione del rischio idraulico, ribattezzato Psbo 2.0. Ma dietro le chiacchiere e il distintivo, per chi voglia sapere quando termineranno i lavori, la sintesi è questa: “In piazzale Kennedy a fine giugno primi di luglio sarà tutto ultimato, mentre per la posa delle condotte a mare entro il 24 maggio (un giorno prima dell’inizio della stagione balneare) la spiaggia e i primi 300 metri saranno liberi dal cantiere perché fino a quel punto le condotte sono state posate, mentre rimarrà in esecuzione il cantiere anche durante l’estate per la posa delle condotte più lontane dalla riva, dove rimarranno le palancole (nella foto), che via via si allontaneranno sempre di più dalla riva”. Così parlò l’assessore Montini. Palancole in mare e lavori a partire da 300-400 metri dalla spiaggia, dunque. Se invece davvero verrà ultimato tutto il piazzale Kennedy entro giugno-primi di luglio, sarà comunque un risultato positivo. Lo scopriremo a breve.