Ai furbetti del pronto soccorso ci pensa l’Ausl, a quelli della Tari la Tosi: oggi in “prima”

Ai furbetti del pronto soccorso ci pensa l’Ausl, a quelli della Tari la Tosi: oggi in “prima”

Compagno Gnassi prendi esempio dalla sindaca di centrodestra e dall'assessore alle attività economiche, nonché parlamentare leghista, di Riccione: "Licenza sospesa a chi non paga la Tari". 600mila euro di mancato introito da ticket a Rimini e 1 milione e 600 mila euro in Romagna. Gecos, immobili all'asta per tre milioni di euro. Rivolta nel carcere di Lolli, il 'pirata' potrebbe essere evaso. La Scm abbassa da 121 a 100 il taglio dei lavoratori nelle fonderie.

600mila euro di mancato introito da ticket. Quasi 13mila lettere inviate lo scorso anno per cercare di recuperare la somma. Cosa che avviene in una percentuale intorno all’85%. «Consideriamo che i 600mila euro sono solo il dato di Rimini – spiega al Carlino Franco Falcini, direttore amministrativo dell’Ausl Romagna –: in tutta l’area romagnola i ticket mancanti per le prestazioni in pronto soccorso sono circa un milione e 600 mila euro. Di questa cifra recuperiamo, comunque, un buon 85 per cento. Sulla cifra totale devo dire che Rimini e Ravenna detengono la maggiore, con circa un milione e 200mila euro diviso quasi equamente nelle due province. Forlì e Cesena hanno percentuali decisamente più basse».

Ai furbetti del pronto soccorso ci pensa l’Ausl. A quelli della Tari Renata Tosi, in tandem con l’assessore alle Attività economiche Elena Raffaelli. “Licenza sospesa a chi non paga la Tari”. Il sindaco di Riccione dà una lezione anche al compagno Gnassi (“un albergatore su tre non paga a Tari”), dimostrando che l’equità, a destra, è un principio da applicare, anche a costo di scontentare qualche associazione di categoria, perché solo se tutti pagano “possiamo dare risposte concrete in termini di qualità dei servizi offerti al cittadino e di contenimento della tassazione”, recita il vangelo secondo Renata. “Il provvedimento già approvato dalla giunta è atteso entro il mese di settembre in consiglio comunale. Chi non pagherà rischierà la sospensione della licenza per un periodo variabile da 1 giorno a 3 mesi”. Nel mirino locali, ristoranti, hotel e negozi. (Carlino).

Gecos, immobili all’asta per tre milioni di euro. “Appartamenti, locali e garage in vendita per chiudere il “conto” del concordato preventivo. La gara il 20 settembre davanti al notaio” (Corriere di Rimini). “Sul piatto”, si legge sul quotidiano oggi in edicola, “ci sono soprattutto parte di due strutture importanti: una palazzina situata in via Covignano 91 e alcuni immobili del centro residenziale, commerciale e direzionale La Prua”.

Scm riduce gli esuberi: “Via in cento”. La Scm abbassa da 121 a 100 il taglio dei lavoratori nelle fonderie (Corriere di Rimini).

Cuore di mamme. “Le amiche di una riminese rimasta ferita in un incidente lanciano sui social un appello per raccogliere cibo, giochi, e generi di prima necessità per i suoi figli” (Carlino).

“Rivolta nel carcere di Lolli, il ‘pirata’ potrebbe essere evaso” (Carlino).