Che fatica risanare il bilancio di San Leo 2000! E l’indennità di Pruccoli aumenta

Che fatica risanare il bilancio di San Leo 2000! E l’indennità di Pruccoli aumenta

Il bilancio 2015 è finalmente in attivo. Giorgio Pruccoli aveva detto che, risanati i conti, avrebbe meditato se abbandonare la carica che riveste nel Comune di Cagliostro (che resta comune demassonizzato). Invece è ancora lì e gli è stata aumentata l'indennità di carica.

E’ dura, è molto dura risanare i bilanci. Giorgio Pruccoli già deve dedicare tempo ed energia per assolvere agli impegni di consigliere regionale del Pd. Poi dal 2014 gli tocca pure guidare la società di servizi turistici del comune di Cagliostro. Non è facile! Ce ne occupammo di rimbalzo lo scorso anno a proposito della forzata demassonizzazione di Giuseppe Giovanni Battista Vincenzo Pietro Antonio Matteo Balsamo (capito perché da tutti fu chiamato Cagliostro?) attuata nel 2015 dall’amministrazione comunale di San Leo, che all’improvviso tagliò i ponti con le passate collaborazioni massoniche (Gran Loggia d’Italia, Università d’Urbino, Istituto di Medicina Naturale e Grande Oriente d’Italia. Intervistammo anche il prof. Rocchi dell’università di Urbino). Noi, che massonici non siamo, solidarizzammo con gli epurati. Non si può sottrarre Padre Pio alla chiesa cattolica. E nemmeno Cagliostro alla Libera Muratoria.
Sta di fatto che la linea sposata lo scorso anno è stata confermata anche per il 2016, tanto è vero che per i festeggiamenti di “AlchimiAlchimie” in programma dal 26 al 28 agosto le uniche conferenze ruotano attorno al tema “psicologia Alchemica” e le uniche collaborazioni sono con lo “Studio di Counseling Integrato Hic et Nunc della Dott.ssa Fabiana Boccola” di Bologna e con l’istituto di Scienze dell’Uomo, Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa, di Rimini. Al Meeting di Cl bisogna nascondere le statue della Madonna, a San Leo è diventato impresentabile Cagliostro massone. Così va il mondo.
Ma la news è un’altra. Raccontammo a proposito dell’eretico, che dal 2014 a capo della “San Leo 2000 Servizi Turistici” srl (che organizza anche “AlchimiAlchimie”), società a totale partecipazione del Comune di San Leo, era stato chiamato nientemeno che Giorgio Pruccoli. Lui non era ancora entrato nel palazzo di Via Aldo Moro a Bologna e dunque quella poltrona cascava a pennello, perché ad un politico di razza uno scranno è dovuto. Vabbè! Embè? Pruccoli ci spiegò che ne avrebbe fatto volentieri a meno, ma – chiarì proprio a noi – “ho iniziato un impegno, ho messo in campo delle attività e penso sia corretto concludere il percorso, … a fine anno spero di poter consegnare un bilancio in salute e poi si vedrà”. Era l’agosto del 2015 quando pronunciava queste parole. Bilancio in salute è una parola grossa. Si parla di una partecipata che ha un valore della produzione di circa 500 mila euro, che ne spende 270 mila in personale. Però l’impresa del risanamento era impegnativa ed hanno chiamato un esperto contabile come Giorgio Pruccoli. Il quale ha chiuso il bilancio 2014 di San Leo 2000 Servizi Turistici con una perdita di 24.547 euro (ma il bubbone l’aveva ereditato) e quello del 2015, dopo che ha operato tagli chirurgici, con un attivo di 2.653 euro. Sia detto senza ironia: sono soddisfazioni. E allora Pruccoli avrà concluso la sua mission e lascerà la carica? Pare di no. E’ diventato amministratore unico della San Leo 2000 e dal 2015 guadagna di più.
Nella nota integrativa a questo lusinghiero bilancio tutto sudore e sacrifici, Pruccoli spiega che “è continuata, con estremo impegno, la politica di contenimento dei costi, iniziata già dallo scorso anno, il cui pezzo forte è rappresentato da cinque mesi di cassa integrazione, assorbiti grazie alla collaborazione del personale senza particolari limitazioni di apertura dei musei. Ogni minima voce di spesa è stata oggetto di accurati raffronti ed autorizzata dal sottoscritto solo se strettamente necessaria e produttiva”. Capito che vaglio? “Conseguenza diretta di tale politica è il risultato positivo dell’esercizio 2015, anche se il numero degli ingressi in fortezza si è ulteriormente contratto, come da trend degli ultimi anni, e quindi il risultato non consente pause nell’azione di razionalizzazione del bilancio”. Sempre in guerra coi tagli facendo attenzione a non ferirsi. Embè? La lascia o no questa presidenza? “Anche per l’anno 2016 l’indicazione è quella di mantenere, rinforzandola, questa linea, improntata sulla sobrietà ed il rigore, puntando contestualmente al continuo miglioramento qualitativo dei servizi offerti”, dice Pruccoli, e l’annualità in corso “potrebbe rivelarsi una sorta di anno zero di ripartenza e rilancio della società”. Resta in sella ancora. Vuoi mancare all’appuntamento con l’anno zero? E siccome risanare i bilanci è opera antipatica e difficile, l’indennità di carica di Pruccoli è passata da 11.174,44 euro a 17.163,6. AlchimiAlchimie. Tutto sulla pagina trasparenza del Comune di San Leo.