La Guardia di Finanza alla Voce di Rimini

La Guardia di Finanza alla Voce di Rimini

Un controllo lungo e minuzioso oggi nella redazione della Voce di Rimini e pare anche in altre aziende riconducibili all'editore Giovanni Celli, alla

Un controllo lungo e minuzioso oggi nella redazione della Voce di Rimini e pare anche in altre aziende riconducibili all’editore Giovanni Celli, alla ricerca di documenti, quello svolto dalla Guardia di Finanza. Visita anche alla sede della Spi, la concessionaria di pubblicità del quotidiano romagnolo. E’ stata sequestrata documentazione e anche alcuni computer. Le perquisizioni sono da mettere in relazione con l’indagine per truffa aggravata ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche, che coinvolge Giovanni Celli per i contributi all’editoria percepiti che, secondo l’indagine, sarebbero stati dirottati su altre società.

Computer e scrivanie della “Voce di Rimini” vanno all’asta

Il terremoto che scuote La Voce di Romagna

Crisi della Voce di Romagna, tavolo convocato dal prefetto ma manca l’editore

Reintegrata anche la giornalista licenziata da La Voce di Romagna

Condannato per comportamento antisindacale l’editore de La Voce di Romagna