La rivolta di via Ducale

La rivolta di via Ducale

Insorgono i residenti che non ne possono più del traffico. E se anche a palazzo Garampi consigliano di filare a destra...

Via Ducale e il Rione Clodio insorgono con cartelli appesi ai muri, alle serrande, alle finestre.

Molti dei residenti non sopportano più la mole di traffico (con conseguenti gas di scarico) dei cittadini che nelle ore diurne scelgono di fare quel percorso per raggiungere la zona mare a causa dell’inversione di senso tra via Bastioni Settentrionali e la rotonda Chiara Lubich. Nelle ore notturne è stata istituita una sorta di zona a traffico limitato dalle 20 alle 7:30.

L’alternativa suggerita dal Comune, ora come sarà in futuro, è di immettersi in via Circonvallazione meridionale per girare in Largo Unità d’Italia per poi prendere via Bastioni orientali e raggiungere via Roma per girare a sinistra verso la stazione e il porto canale, o a destra verso viale Tripoli per guadagnare la zona mare. Il malcontento è palpabile. Parecchi riminesi non sembrano gradire le ultime modifiche alla viabilità.

Dal canto suo, l’Amministrazione, per mano dei propri strateghi di Anthea, ha posizionato in punti cruciali della città vari cartelli a bandiera e plinti a tronco di piramide su cui campeggia questa scritta a caratteri cubitali: “FILA A DESTRA”. I riminesi, tradizionalmente allineati alla linea politica comunale, alle prossime elezioni, raccoglieranno l’invito?