Gli eletti dai soci della Fondazione Carim nel consiglio generale

Gli eletti dai soci della Fondazione Carim nel consiglio generale

Sono Fabio Bonori, Alduino Di Angelo, Patrizia Farfaneti Ghetti, Fabio Maioli, Roberto Manzi, Antonio Polselli e Pierino Venturelli. Tutti espression

Sono Fabio Bonori, Alduino Di Angelo, Patrizia Farfaneti Ghetti, Fabio Maioli, Roberto Manzi, Antonio Polselli e Pierino Venturelli. Tutti espressione del gruppo attualmente al comando della Fondazione. Mauro Ioli è il primo dei non eletti e potrebbe venire “ripescato”. Si va verso un nuovo assetto che vede Linda Gemmani alla presidenza e Gianluca Spigolon alla vicepresidenza.

Fra le due liste in campo per eleggere i sette membri della Fondazione nel consiglio generale, l’assemblea dei soci che si è riunita oggi a Palazzo Buonadrata poteva scegliere fra due liste, una espressione del gruppo al comando (Pasquinelli-Spigolon, per intenderci) e l’altra della aggregazione che da tempo contesta l’attuale conduzione (Alfonso Vasini, Mauro Ioli ed altri).
Gli ulteriori sette membri scaturiranno, come prevede lo statuto della Fondazione (che è stato modificato, in precedenza i componenti erano 9, come quelli eletti dall’assemblea, in totale 18), da istituzioni, ordini e associazioni di categoria: uno è indicato dal vescovo, uno dalla Camera di commercio, un altro dal sindaco del Comune di Rimini. Se ne aggiunge un quarto scelto fra i diversi Comuni, due individuati fra associazioni di categoria (Unindustria aveva espresso nei giorni scorsi una terna formata da Fabio Assirelli Sampaolesi, Massimo Colombo e Linda Gemmani), Meeting e Volontarimini, poi c’è il rappresentante indicato da ordini e collegi professionali.
I sette designati dall’odierna assemblea della Fondazione sono Fabio Bonori (ha ottenuto 45 voti), Fabio Maioli (35), Antonio Polselli (34), Pierino Venturelli (35), Alduino Di Angelo (35), Patrizia Farfaneti Ghetti (39), Roberto Manzi (38). Sessantasei i presenti, 64 voti validi e 2 schede bianche. Per i primi quattro si tratta di riconferme. Mauro Ioli è risultato ottavo con 27 voti e quindi primo dei non eletti, ma potrebbe essere “ripescato” in una seconda fase, quella legata alla nomina del presidente e del vicepresidente della Fondazione. Per la presidenza è pressoché certo il nome di Linda Gemmani mentre per la vicepresidenza si parla di Gianluca Spigolon.
Il nuovo consiglio generale sarà completato con altri sette componenti che saranno individuati il prossimo 11 aprile dal consiglio generale uscente nell’ambito delle proposte ricevute dalle istituzioni del territorio. L’iter di rinnovo degli organi si concluderà, dopo l’approvazione del bilancio 2015, con l’insediamento del nuovo consiglio generale e l’elezione di presidente e vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini per il prossimo mandato.