La Svizzera è la Silicon Valley di Bitcoin, è la Crypto Valley

La Svizzera è la Silicon Valley di Bitcoin, è la Crypto Valley

Leggendo il precedente articolo sul Venezuela forse avete pensato che Bitcoin sia uno strumento economico valido solo per Paesi in profonda crisi economica, per poveracci insomma, beh, allora rimarrete davvero sorpresi.

Leggendo il precedente articolo sul Venezuela forse avete pensato che Bitcoin sia uno strumento economico valido solo per Paesi in profonda crisi economica, per poveracci insomma, beh, allora rimarrete davvero sorpresi.
Da un lato basterebbe fari i conti col fatto che in questi ultimi giorni il valore per unità di Bitcoin ha superato ampiamente quota 6000$,  registrando un aumento del 770% in un anno e una capitalizzazione totale di quasi 100 miliardi di euro.
Forse tutto ciò non vi dirà granché, forse vi farà solo storcere il naso facendovi pensare a due parole come “bolla speculativa”.
È per questo motivo che dobbiamo tornare nel Vecchio Continente, fare tappa in un Paese che ben poco ha a che spartire con l’attuale economia venezuelana per mostrarvi quanto invece sia importante la diffusione di Bitcoin.

Ad aprile 2016 il Ministero delle Tasse Federali della Svizzera ha deciso di eliminare la tassa sul valore aggiunto (IVA o VAT) su Bitcoin, liberando questa tecnologia dalle catene fiscali che la tenevano imprigionata.

Non hanno perciò tardato ad essere promosse le prime sperimentazioni economiche con la crypyovaluta più famosa al mondo, così che da settembre 2017 il Municipio di Chiasso, seguito da altre municipalità, ha cominciato ad accettare i pagamenti delle tasse locali in Bitcoin.

Bitcoin Suisse

Università di Lucerna

All’Università delle Scienze e delle Arti Applicate di Lucerna non solo tutto ciò che ruota attorno alla Blockchain fa già parte dei piani di studio, ma addirittura l’Istituto accetta il pagamento della retta universitaria in Bitcoin grazie a una collaborazione con un intermediario finanziario Bitcoin Suisse, servizio di cambio, consulenza e brokeraggio in cryptovalute.

Ma la Svizzera già da qualche anno è si è tramutata in un paese Bitcoin-friendly.

Dal 2014 a Zugo, piccola città nel cuore della Svizzera centrale, è sorta quella che viene soprannominata la Silicon Valley europea per le criptovalute.

Nella striscia di terra che porta da Zurigo a Zugo dal 2013 è sorta la Crypto Valley, una nuova culla della tecnologia delle criptovalute dove ad oggi si sono stabilite 23 aziende legate a questo settore tra cui Bitcoin Suisse (uno dei principali fornitori svizzeri di servizi di investimento finanziario ), Xapo (azienda di Hong Kong che fornisce un portafoglio e una carta di debito per pagamenti in Bitcoin), ShapeShift (cambia-valute di cryptovalute immediato che non richiede registrazione alcuna) e tante altre.
L’idea nasce nel 2014 quando Johann Gevers, fondatore e CEO di Monetas, piattaforma di pagamenti basati su blockchain, ha cominciato a gettare le fondamenta per la creazione di un hub globale dedicato alle aziende interessate alle criptovalute.
Il concetto e il nome di Crypto Valley ha così preso vita trovando sostegno politico ed economico in un ambiente favorevole come quello svizzero, dove la cultura della privacy finanziaria, il sistema di tassazione e il supporto pubblico alle imprese private fanno della Svizzera uno dei paesi più competitivi al mondo.
Ad oggi l’associazione non profit Crypto Valley conta 2000 membri.

Al giorno d’oggi in Svizzera si è arrivati a scommettere così tanto su Bitcoin che la più importante compagnia ferroviaria svizzera, la SBB, ha recentemente annunciato che dall’11 novembre 2017 i propri clienti potranno comprare Bitcoin attraverso le oltre 1000 biglietterie automatiche abilitate, trasformandole di fatto anche in bancomat per Bitcoin.


«Le possibilità di comprare Bitcoin in Svizzera erano limitate… fino ad oggi»
– Ferrovie Federali Svizzere

Le statistiche interne affermano che un cittadino svizzero esegue almeno due operazioni al giorno attraverso queste macchine.
Si calcola dunque che la SBB potrà diffondere Bitcoin tra oltre 8 milioni di svizzeri con una capillarità senza precedenti in europa.

Ogni svizzero conoscerà e potrà acquistare Bitcoin!


«L’accettazione di Bitcoin come valuta corrente non è poi così lontana.
Non sarà una cosa troppo difficile da digerire per le persone sui cinquant’anni, mentre tra i giovani sarà sempre più diffusa»
– Niklas Nikolajsen, Bitcoin Suisse CEO

Perché Bitcoin è capace di attirare sia economie disastrate come quella del Venezuela, quanto oasi fiscali e imprenditoriali come la Svizzera? Qual è l’aspetto cruciale che rende questa tecnologia così desiderata, così ricercata, così unica?

Restate connessi, nel corso delle prossime puntate ne saprete di più.

Nel frattempo vi lasciamo rilanciando con queste dichiarazioni del CEO di Bitcoin Suisse:


«C’è un solo tipo di investitore in Bitcoin:
quello che avrebbe voluto comprarne di più»
– Bitcoin Suisse CEO Niklas Nikolajsen

 

COMMENTI

DISQUS: 0
close-link