Metromare “col sorriso”: paga Destinazione turistica Romagna

Metromare “col sorriso”: paga Destinazione turistica Romagna

Per l'allestimento grafico dei mezzi che tornano a circolare sulla linea dedicata Rimini-Riccione, l'ente pubblico che promuove il turismo versa a Pmr 30mila 500 euro.

Dopo quattro mesi di chiusura, sabato riapre il Metromare vecchio stile. Qual è la novità, oltre alle regole anti Covid? I quattro bus impiegati sul percorso sono allestiti con le immagini e i claim della campagna di Visit Romagna e delle attrazioni della Riviera di Rimini.
“Ormai concluso l’allestimento grafico che vuole trasmettere ai turisti i messaggi dell’accoglienza sul territorio, all’insegna della mobilità sostenibile e sicura. Le quattro livree richiameranno la campagna di comunicazione ‘In Romagna col Sorriso’; ‘Cinema Romagna’ con le immagini del territorio, dal mare all’entroterra; ‘La Riviera dei Parchi’ per comunicare l’offerta dei parchi tematici; sul quarto bus sono state riproposti i colori e le grafiche più legate all’immagine del Metromare, con le onde marine già presenti nella prima fase sulle fiancate dei bus e il claim ‘Change is here. Get on board!’.”

Sì, ma chi paga? La Destinazione turistica Romagna ci mette del suo motivando la spesa con “interventi promozionali nel campo del turismo”. In totale 30mila 500 euro elargiti a Pmr per “lo sviluppo di una campagna di comunicazione sui mezzi della linea Metromare e sui supporti della linea stessa per l’affermazione del brand Romagna”. L’investimento pubblicitario sarà ben speso? Il numero dei viaggiatori al momento è un grande punto interrogativo, sia perché l’estate 2020 è molto fiacca e sia per il calo di coloro che utilizzano i mezzi pubblici a seguito della pandemia.
Start Romagna effettuerà 120 corse al giorno, la metà da Rimini e altrettante da Riccione, con la potenziale possibilità di trasportare quasi 11mila persone al giorno stante la capienza ridotta a 90 posti per garantire il distanziamento fisico a bordo dei mezzi, dove è obbligatorio l’uso delle mascherine. Non è esclusa la programmazione di corse più frequenti soprattutto nei weekend.